Storia
del coro

La storia del Coro Manos Blancas ha inizio in Venezuela con Naybeth Garcia e Johnny Gómez, docenti e assistenti de “El Sistema” la Fondazione di Stato per le Orchestre e Cori Giovanili ed Infantili del Venezuela , fondata nel 1999 dal Maestro Josè Antonio Abreu. Naybeth e Jhonny ebbero l’idea di creare un Coro per coinvolgere bambini e adolescenti, portatori di ogni sorta di handicap, con deficit sensoriali e cognitivi, riscattandoli attraverso l’educazione musicale.

Ebbe inizio così il Coro Manos Blancas del Venezuela, un Coro di bambini -la cui icona sono dei guantini bianchi- che interagiscono con Orchestre e Cori di ogni genere e livello. Un miracolo nato da “Vibrazioni dell’Anima” che dona gioia e dignità a creature sensibili segnate da un diverso destino ed apre il cuore a chi le ascolta.

La Famiglia Nonino produttrice dell’omonima Grappa e creatrice nel 1975 del Premio Nonino , sensibilizzata e convinta dal Maestro Claudio Abbado “Premio Nonino 1999“,coinvolta dal miracolo del “Coro Manos Blancas del Venezuela” assieme alla Giuria, decide di assegnare il Premio Nonino Risit D’Aur 2010 a Naybeth Garcia, Jhonny Gomez ed al Coro Manos Blancas del Venezuela. Ma se da una parte non era facile far muovere un coro intero dal Venezuela, dall’altra era quasi impossibile premiare una cosa così speciale senza farla vedere e sentire…

Con questo proposito la Famiglia Nonino, con grande entusiasmo ed il sostegno dell’azienda, convincono Naybeth Garcia e Jhonny Gomez a venire ad insegnare per due settimane ad un gruppo di insegnanti e logopediste della Nostra Famiglia di San Vito al Tagliamento.

Nell’occasione Naybeth Garcia e Johnny Gómez dimostrarono l’efficacia di quella disciplina coinvolgendo Paola Garofalo, Rosanna Danelon e Claudia Bortolussi, due insegnanti di scuola primaria dell’Istituto comprensivo di San Vito al Tagliamento e una logopedista in servizio presso la Nostra Famiglia ed un gruppo di loro allievi, che in pochi giorni in collaborazione del Coro vocale “Artemìa” diretto dal Maestro Denis Monte, dettero vita al Coro Manos Blancas del Friuli “primo Coro delle Manos Blancas italiano” oltre che primo Coro Manos Blancas al di fuori del Venezuela.

Il 14 giugno 2010 i Nonino fondano in Friuli l’Associazione Amici Coro Manos Blancas del Friuli Onlus, presieduta da Mauro Chiarot, con il preciso proposito di dare ai bambini friulani pari opportunità dei loro coetanei.

Da allora nasce, tramite l’aiuto di Mirian Gutierrez, una continua collaborazione con Naybeth Garcia e Jhonny Gomez, con lo scopo di promuovere ,diffondere le proprie esperienze e conoscenze, al fine di incoraggiare e sostenere la nascita dei Cori Mani Bianche sul territorio italiano.
Nel 2012 il Coro Manos Blancas del Friuli entra a far parte dei Nuclei del Comitato Sistema delle Orchestre e dei Cori Giovanili e Infantili d’Italia, onlus guidata da Federculture, che si pone l’obiettivo di emancipare bambini e ragazzi dal disagio, offrendo loro un’opportunità di riscatto sociale tramite l’accesso gratuito allo studio della musica.

Dal 2010 a oggi il Coro Manos Blancas del Friuli, diretto da Paola Garofalo, ha collaborato con varie realtà corali diffondendo il loro messaggio nel modo più reale possibile: lo stare insieme, il sentirsi apprezzati e valorizzati aumenta l’autostima e promuove il senso di inclusione: la musica. come modo di comunicare, sconfigge le barriere linguistiche e relazionali.

Il progetto viene inserito dal 2010 nel P.O.F. dell’istituto comprensivo Margherita Hack di San Vito al Tagliamento che da anni ha attivato al proprio interno l’indirizzo musicale. I ragazzi del coro hanno promosso loro stessi le attività del coro gestuale e hanno dimostrato che la musica è un linguaggio che può essere espresso senza verbalità ma con gesti armoniosi che interpretano la musica.

I ragazzi del Coro Manos Blancas hanno così incuriosito i loro coetanei che, pur abili a livello verbale, hanno desiderato unirsi al coro gestuale e hanno sperimentato questa nuova modalità comunicativa. Il progetto si è concretizzato con la realizzazione di vari concerti che hanno coinvolto circa 120 ragazzi tra coro vocale, gestuale e orchestra.